Tag Archive: Letta


david rockefeller(Articolo pubblicato il 14/4/2016 sul sito Oltre le Barricate)

Abbiamo già scritto che, di fronte agli immani scandali che stanno coinvolgendo il governo, delle normali persone di buon senso chiederebbero scusa e si dimetterebbero di corsa, ma non tutti evidentemente hanno una simile intelligenza. La Guidi lo ha fatto, gli altri abusivi che si spacciano per ministri e deputati (membri di un governo non scelto dagli italiani e di un Parlamento fondato su un premio di maggioranza dichiarato incostituzionale)  preferiscono continuare a trincerarsi dietro le balle di giornali e televisioni compiacenti, sperando che gli italiani si dimostrino troppo gonzi per capire e ribellarsi.

C’è un altro motivo che spiega la cocciutaggine nel mantenere un ruolo che (stando anche ai sondaggi) gli italiani non riconoscono più a Renzi e co.: l’essere eterodiretti. Quando un governo non risponde al popolo, ma a potenti interessi bancari e industriali, non c’è limite alla faccia tosta.

Tutti ormai sanno di Banca Etruria, di Mafia Capitale e di Trivellopoli. Pochi invece sanno delle connessioni dell’attuale governo con alcuni degli uomini più potenti della finanza globale. E in particolare, con David Rockefeller.

Cominciamo con la JpMorgan Chase, di cui si è detto nel post precedente. Renzi ha incontrato più volte Tony Blair, ora consulente della JpMorgan, prima e dopo essere diventato premier. La stessa JpMorgan che (dalla sua posizione di più importante banca d’affari al mondo, e corresponsabile della crisi dei subprime) ha redatto il famoso documento in cui chiedeva ai Paesi del sud (in primis l’Italia), di sbarazzarsi delle Costituzioni antifasciste. Detto fatto.
Dei rapporti tra JpMorgan e David Rockefeller è presto detto: il multimilionario è stato direttore ed è il principale azionista della superbanca d’affari.

Ma Rockefeller è anche noto come uno dei membri di spicco del Gruppo Bilderberg, nonché il fondatore della Commissione Trilaterale. Ora, non è quantomeno sospetto che della Commissione Trilaterale facciano parte anche gli ex premier Mario Monti ed Enrico Letta, e che ne abbia fatto parte Federica Guidi prima di diventare il ministro dello Sviluppo Economico? E chi ha partecipato all’ultima riunione della Commissione Trilaterale, che si è tenuta dal 15 al 17 aprile a Roma? Ma proprio quella Maria Elena Boschi che più di mezza Italia vuole dimissionata (o coperta di pomodori) dopo gli scandali Banca Etruria e Trivellopoli.

Commissione-TrilateraleC’è un altro elemento interessante nel rapporto tra gli ultimi esecutivi e Rockefeller. Secondo il libro del massone Gioele Magaldi, Rockefeller ed Henry Kissinger guiderebbero una superloggia chiamata “Three Eyes”, una delle più cattive, aristocratiche e neoliberiste in assoluto, di cui farebbe parte anche Giorgio Napolitano, proprio il presidente della Repubblica che ha nominato i premier Monti, Letta e Renzi.

E, sempre secondo Magaldi, la stessa “Three Eyes” sarebbe stata la responsabile della creazione della P2 in Italia e del potere di Gelli, per portare avanti una svolta autoritaria nel Belpaese (tuttora in corso).
E così il cerchio si chiude, anche in merito alle rivelazioni sulle presunte frequentazioni piduiste dei genitori di Renzi e Boschi (con personaggi come Flavio Carboni) e sui loro legami con gente come Verdini, imputato nell’affare P3.

Sembra insomma chiaro che gli sponsor di questo governo (come di quelli precedenti), non siano da ricercare nella sola provincia toscana, ma a un livello decisamente più alto (e pericoloso per la vera democrazia). Un motivo in più per pretenderne le dimissioni immediate e la sostituzione con un esecutivo legittimato dal popolo italiano.

Claudio Messora parla del meeting della Commissione Trilaterale a Roma

Annunci

57677-o-renzi-marionetta1392658682Ok, facciamo finta che gli italiani siano semplicemente stati “abbagliati” e “ingannati”, nelle scorse elezioni, dalla aria di nuovo del Neo Mastrota che ci ritroviamo al governo.

Volevano il cambiamento, sono stati spaventati dalla quasi totalità della stampa che ha presentato (all’indomani delle politiche del 2013) Grillo come il terribile pericolo per la democrazia, e sono corsi a dare il 41% delle preferenze all’ennesimo inciucione dalla faccia pulita, e alla sua squadra di gggiovani fuori e democristiani dentro.

Bravi, ci avete creduto e siete stati fregati un’altra volta. Ora anche basta però.

Dopo pochi mesi di governo Renzi, avrebbe dovuto essere chiaro a tutti che si ha a che fare con un incompetente al servizio dei poteri ultraforti, pronto a vendere pure i parenti per avere più potere.

Invece a distanza di mesi, il bimbominkia fiorentino ancora resiste nei sondaggi con un 40% di consensi a favore.  Qui i casi sono due: o i sondaggi sono truccati, o il popolino italiota è stato di nuovo ipnotizzato dall’ennesimo venditore di pentole.

Ma dato che difficilmente giornali e tiggì dicono le cose come stanno, facciamo un piccolo elenco, che permetta di capire anche al più candido dei Candidi chi è Renzi, da dove viene e dove sta andando.

Sperando di non contribuire, in questo modo, a fargli prendere il 60% alla prossima occasione. Gli italiani sono capaci di ogni prodezza quando si tratta di scegliere il peggio.

 

Una nobile stirpe

Il padre, Tiziano Renzi, da alcuni illustri concittadini citato come figura preminente della massoneria toscana, risulta indagato per bancarotta fraudolenta dopo il fallimento della società di distribuzione di cui era amministratore, la Chil Post.
Tutti i contratti della società erano precari, a parte ovviamente quello del figlio Matteo, che in questo modo riceveva i contributi per la pensione dalla collettività.

Inoltre delle dieci società fondate, possedute o amministrate da Renzi senior nella sua “carriera”, tre hanno subito condanne dai vari tribunali, per un totale di sette condanne.

Sembra quindi che onestà e affidabilità siano nel Dna di famiglia.

 

Renzi l’ammerigano

Renzi è di centro sinistra solo sulla carta. In realtà la sua vera passione resta il centro destra, italiano quanto americano. A parte gli arcinoti inciuci con Silvio Berlusconi riassunti nel patto del Nazareno (su cui il direttore del Corriere della sera Ferruccio De Bortoli ha sentito “odore di Massoneria”), e in aggiunta all’aiuto dato da Forza Italia e dall’amico Verdini quando si è trattato di correre per l’elezione a sindaco di Firenze (FI gli candidò contro l’ex portiere Giovanni Galli, abbandonandolo al momento del ballottaggio), Renzi coltiva ottimi rapporti con l’ultradestra Usa.

Personaggi come Michael Ledeen, una delle menti dietro molte operazioni sporche  targate Cia nel mondo e interventi militari Usa, che è considerato “il governo ombra” di Renzi“, mentre la Mogherini ha incontrato in almeno due occasioni il braccio destro di John McCain e uomo della Cia Kurt Volker, prima di fare carriera ed arrivare a diventare miracolosamente lady Pesc, la responsabile Ue per la politica estera.

E’ evidente la vicinanza di Renzi con i poteri forti americani: il suo pronto assenso alla guerra in Iraq e la sua solerzia nel mantenere i rapporti col Cfr (Council on Foreign Relations, uno dei più potenti think tank al mondo dall’orientamento ultraliberista) dimostrano quanto Renzi tenga all’amicizia degli Usa, anche in caso di decisioni più che discutibili.

 

Israele mon amour

Un altro grande amore di Renzi è lo Stato di Israele.

Su Israele Renzi ha sempre fatto capire in modo molto chiaro la sua posizione, come quando si è speso per “la liberazione dell’ostaggio israeliano rapito” nel pieno dei bombardamenti sulla striscia di Gaza, quando i morti tra i palestinesi erano già più di 1.600 (con quasi 9.000 feriti, in maggioranza civili) a fronte di una manciata di decessi tra i soldati sionisti, logica conseguenza dell’invasione della striscia da parte dell’esercito ebraico.

Inoltre al momento delle primarie nel centro sinistra, gli ebrei pro Israele (va sempre ricordato che ci sono anche molti ebrei contro il sionismo e contro Israele) hanno decisamente fatto campagna a favore di Renzi e contro Bersani, considerato troppo “equidistante” sulla questione palestinese.

Per finire, Marco Carrai, uno degli uomini più vicini a Renzi, è da anni considerato “uomo del governo israeliano”, oltre che assiduo frequentatore di Michael Ledeen, già citato a proposito dei rapporti tra Renzi e l’ultradestra Usa.

 

Il rottamatore della sinistra e della Costituzione

Renzi è evidentemente stato scelto dai poteri forti dell’economia occidentale per rottamare la sinistra in Italia, assimilandone l’ideologia a quella della peggiore destra: libero mercato, deregulation, privatizzazioni, eliminazione delle tutele dei lavoratori, flessibilità estrema.

Vediamo questa agenda in corso attualmente con l’eliminazione dell’art. 18, salutata dagli applausi dei vari Marchionne e Poletti.

Anche la modifica della Costituzione si inserisce nel quadro di uno smantellamento dell’equilibrio dei poteri, a favore di un premier e di un presidente della Repubblica più forti. Queste modifiche della Carta vanno di pari passo con i dettami della banca d’affari Jp Morgan, che qualche mese fa in un comunicato esortava i governi occidentali a “sbarazzarsi delle costituzioni antifasciste” e dei loro eccessivi riguardi verso i lavoratori. La stessa Jp Morgan, tramite Tony Blair (ora agente della banca), ha incontrato più volte Renzi per assicurarsi la sua fedeltà a questo programma.

Sul fronte bancario, va poi ricordato il legame di Renzi con Davide Serra, uno dei suoi principali finanziatori, ex collaboratore delle superbanche Ubs e Morgan Stanley e frequentatore tra i più assidui della Leopolda. Uno che ha affermato candidamente, all’ultima kermesse fiorentina, che lo sciopero “non è un diritto”.
Tanto per capire le intenzioni del “nuovo che avanza”.

 

Figlio di Troika

Tanto per non deludere le aspettative dei macellai del Fondo Monetario Internazionale, funesta istituzione guidata dagli Usa e incaricata di prescrivere a tutti gli Stati del mondo le ricette che vanno bene agli Usa (e cioè privatizzazioni, liberalizzazioni fulminee, tagli alla spesa pubblica, deregulation), Renzi ha piazzato alla guida dell’Economia e della Spending review due uomini provenienti proprio dal Fmi, e cioè Pier Carlo Padoan e Carlo Cottarelli.

Padoan, che è stato anche consulente della Bce, era il responsabile del Fmi per l’Argentina nel 2001 quando ci fu il crac, causato anche (e soprattutto) dalle politiche imposte dal Fondo; Cottarelli (che però si è dimesso a ottobre) è uomo del Fmi dal 1988.

Pensare che, con personaggi così al governo, Renzi non adotti le peggiori politiche neoliberiste e filo-Troika è pura ingenuità.

 

Renzi e il Vaticano

Ovviamente il Vaticano non poteva mancare nella collezione di poteri forti del nuovo premier.

Sempre l’amico Carrai (definito da molti “il Gianni Letta di Renzi”) è incaricato di coltivare i rapporti del premier con Comunione e Liberazione e con l’Opus Dei, cui è molto vicino. La moglie di Renzi, Agnese, è la sorella di un sacerdote.

Gli ottimi rapporti del premier con Oltretevere sono stati sanciti da alcuni provvedimenti compiacenti approvati di recente, come l’8 per mille destinato allo Stato, che andrà a finanziare anche gli edifici di culto.

 

La Repubblica di De Benedetti

Per finire la carrellata sui poteri forti dietro Renzi, è inevitabile citare il proprietario dei fogli di partito del Pd, Carlo De Benedetti.

Tutti si ricordano della telefonata del patron di Repubblica a Barca per fargli prendere parte al nuovo governo; Renzi nei pochi mesi di governo è riuscito a far arrivare a Sorgenia di De Benedetti un regalo da 150 milioni all’anno.

Non vale neanche la pena di soffermarsi sulla vergognosa parzialità dell’informazione di Repubblica e dintorni (ma che fa pendant con quella di Corriere, Ansa, Stampa ecc.) quando si tratta di riportare notizie che riguardino il premier, rispetto ai toni usati nei confronti del Movimento 5 Stelle, principale forza di opposizione.

 

CoeRenzi, l’amico dei più deboli

Quando Renzi promette qualcosa, c’è da fidarsi. Sono universalmente celebri le frasi del premier, smentite poco dopo da atti concreti, come nei casi delle larghe intese e sul prendere il posto di Letta. La totale inaffidabilità nel mantenere la parola data ha valso al premier il titolo di CoeRenzi.

Vanno aggiunte anche una serie di affermazioni che dimostrano chiaramente come Renzi si sia subito attestato su posizioni completamente antitetiche a quelle considerate “di sinistra”, come sull’acqua pubblica, sui diritti dei lavoratori e sull’età pensionabile.

 

In definitiva

Come abbia fatto un personaggio così prono alla causa dei poteri forti e disinteressato alle condizioni della popolazione a ricevere il 41% delle preferenze alle ultime elezioni e in tempo di crisi, resta un mistero spiegabile solo con il completo asservimento dei media alla causa del bimbominkia, e a un’opinione pubblica che banalmente “c’è cascata”.

Sarebbe bene che ora gli italiani capissero una volta per tutte chi hanno di fronte, e togliessero il loro sostegno a questo vergognoso governo.

Capitalismo

(Articolo pubblicato su Informare per resistere, il 2 maggio 2014)

Bisogna provare tanta umana comprensione per coloro che, in buona fede, ancora credono che il Pd faccia gli interessi dei lavoratori e delle persone comuni.

È giustificabile (non moralmente, ma almeno razionalmente) chi trae vantaggi economici o politici dall’appoggio a Renzi e ai suoi, mentre non lo è più (se non, in minima parte, a causa della massiccia disinformazione di Repubblica e dintorni) chi li vota senza un evidente tornaconto personale.

In questo frangente votare Pd è quanto di più disastroso si possa fare per l’Italia, e anche per l’Europa. Cerchiamo di capire perché.

Per cominciare, il Pd (nelle sue forme precedenti) è il principale artefice del nostro ingresso nell’Euro e della nostra sottomissione alle regole/capestro di Bruxelles. Ce lo ricordiamo tutti Prodi gioire per l’ingresso in Europa, manco avesse vinto alla lotteria.

Quello stesso Prodi che ha svenduto buona parte del patrimonio pubblico italiano a enti stranieri,  ha contribuito poi a svendere la nazione Italia alla Germania, ai tecnocrati di Bruxelles, alle grandi banche, agli Stati Uniti sotto forma del Fondo Monetario Internazionale.

In questo non ha fatto nulla di particolarmente nuovo: già col divorzio Tesoro – Banca d’Italia del 1981, Ciampi e Andreatta avevano consegnato l’economia italiana al dominio dei mercati e posto le premesse per la deindustrializzazione italiana, in accordo con Germania, Francia ed Inghilterra.
C’è una regola non scritta, nel nostro ordinamento, per cui chi svende il popolo italiano alle potenze estere vince come premio il Quirinale o la Presidenza del Consiglio.

Giudicate un po’ voi se il pestilenziale duo Renzi – Napolitano non sta seguendo la stessa trafila.

Si parlava nel titolo di darwinismo sociale. Qual è la ratio delle regole di Maastricht, e della moneta Euro, se non ergere il darwinismo sociale a regola dominante dell’Ue? In questo, l’Unione si conforma al dettato dei grandi capitalisti (specialmente di quelli finanziari), per cui l’unica regola valida è quella del grande che mangia – pardon, assorbe – il debole.

Il mercato unico favorisce il darwinismo sociale, permettendo alle grandi imprese multinazionali di fare a pezzi la concorrenza delle piccole realtà produttive, specie di quelle a chilometro zero.

I parametri di Maastricht favoriscono il darwinismo sociale, costringendo i Paesi più lontani nel raggiungere i limiti del 3% nel deficit/Pil annuo e del 60% nel rapporto debito pubblico/Pil a riforme lacrime e sangue che fanno a pezzi lo stato sociale. Quindi la scuola, la sanità, le pensioni, gli assegni di disoccupazione. Per seguire dei parametri che, peraltro, sono considerati ingiustificati da numerosi e autorevoli economisti.

L’ideologia neoliberista alla base del mercato unico europeo, quindi la libertà del mercato da regole e restrizioni, favorisce il darwinismo sociale, pretendendo di smantellare lo stato sociale e ogni intervento pubblico in economia, così come ogni forma di protezionismo economico.

La moneta Euro favorisce il darwinismo sociale, perché impedisce ai Paesi più deboli di svalutare la moneta, consegnandoli così ai diktat dei mercati (che speculano in modo mortale sui tassi di interesse) e dei prestatori di denaro, di solito i Paesi più ricchi dell’Ue (Germania in testa), con la Bce e il Fondo Monetario Internazionale. Un ottimo modo per privare quegli stessi Paesi di sovranità politica, dopo averli privati della sovranità monetaria.

L’intera tecnocrazia europea favorisce il darwinismo sociale, perché mette le decisioni vitali per i Paesi e i popoli nelle mani di poche “elite” (poco illuminate, ma molto danarose), rendendo sempre più raro e obsoleto il ricorso al giudizio popolare. Arrivando agli estremi di eleggere, anche in caso di esiti sfavorevoli all’elite, comunque personaggi graditi all’elite stessa, come è accaduto con le elezioni di Letta e Renzi in Italia, ennesima espressione dei poteri forti e non della genuina volontà popolare.

Le politiche di austerità favoriscono il darwinismo sociale, perché nella prospettiva di un fantomatico “risanamento”, inducono la popolazione alla disperazione e a una pioggia di suicidi, a causa dei tagli alla spesa pubblica e agli ammortizzatori sociali. Questo sebbene, in caso di crisi, ogni economista onesto sappia che è necessario rilanciare la spesa pubblica per rilanciare l’economia e l’occupazione. Le lezioni degli anni ’30 dovrebbero venirci in soccorso, ma a quanto pare alle elite il keynesismo proprio non piace. È meglio decimare le popolazioni con ricette economiche prive di senso.

Per finire, il turbo capitalismo finanziario e iperliberista è l’essenza del darwinismo: un pugno di persone (si parla di 85) che detengono più della metà della ricchezza mondiale e pretendono di decidere come i restanti 7 miliardi di persone debbano vivere (o morire). Questo, sia detto nel modo più chiaro possibile, sulla base del possesso di una moneta che è pura illusione: moneta virtuale (cioè impulsi elettronici creati sui computer delle banche) oppure moneta cartacea (creata allo stesso modo dal nulla nelle banche centrali, e che ha lo stesso valore reale dei tovaglioli del discount).

In tutto questo cosa c’entra il Pd? Il Pd ha semplicemente avallato tutto questo gioco, in modo più strenuo e convinto persino di Berlusconi (che tra i suoi difetti ne ha uno che in questo caso torna utile: ama comandare e non ama prendere troppi ordini da potenze straniere).

La retorica europeista, i “morire per Maastricht”, i “ce lo chiede l’Europa” sono da sempre cavalli di battaglia del Pd, che in nome di una falsa internazionalizzazione sta mandando al macero la nazione Italia, con l’aiuto dei servi fedeli di Repubblica e dintorni.

Se si vuole veramente cambiare rotta, bisogna che al Pd sia sottratto ogni potere e quindi ogni voto utile, specie in vista delle prossime europee. Solo quando al governo ci sarà una forza politica veramente dalla parte del popolo italiano e disposta a contrastare la barbarie incombente, sarà possibile tornare a parlare di diritti, di giustizia, di bene comune.

 

 

 

Fonti (e libri consigliati):

 

–          Alberto Bagnai, “Il tramonto dell’Euro”

–          Paolo Barnard, “Il più grande crimine”

–          Nino Galloni, “Chi ha tradito l’economia italiana?”

–          Paul Krugman, “Fuori da questa crisi, adesso”

–          Nouriel Roubini, “La crisi non è finita”

matteo-renzi-lobby(Articolo pubblicato su Informare per resistere il 3/3/2014)

Se ci fosse il premio per la stupidità, con la nascita del nuovo governo, Renzi, Napolitano e il Pd l’avrebbero vinto in pieno.

Dopo le veementi contestazioni ai governi Monti e Letta perché privi di rappresentanza ed espressione dei poteri forti, ecco che Napolitano e il Pd non trovano di meglio che formare l’ennesimo governo senza passare dal voto, e se possibile ancora più liberista di quello precedente. Tanto per far infuriare ancora più gli italiani e attirarsi i forconi fin sotto casa.

Renzi vanta infatti un numero non indifferente di gruppi di potere alle sue spalle: dagli Usa e le lobby ebraiche, alle banche e ai think tank neoliberisti. Piacerà sopratutto al Fondo Monetario Internazionale,  che da tempo afferma che gli stipendi dei lavoratori italiani vanno ritoccati del 10%, e non è un caso se la banca svizzera Ubs già a gennaio lo indicava come il futuro premier. Per non parlare della sempre presente regia occulta di De Benedetti.

Con la presentazione poi della squadra dei ministri ecco arrivare altre conferme: un ex collaboratore di Fmi, Bce, Commissione Europea, Banca Mondiale con il pallino dell’austerity all’Economia (tanto per rassicurare la Troika),  due ministri direttamente da Legacoop e Confindustria a Lavoro e Sviluppo Economico, un ministro per la Semplificazione che ha nel curriculum il fidanzamento col figlio di Napolitano, e 6 ministri del governo precedente tra cui Alfano all’Interno (nonostante l’affare kazako), Lupi e Lorenzin.

Meraviglioso il caso Gratteri alla Giustizia, pm anti-ndrangheta dato da tutti come nuovo Guardasigilli, e poi rifiutato da Napolitano in persona evidentemente perché troppo giustizialista. Un’altra nefandezza nel palmarès del presidente più odiato dagli italiani.

Non parliamo poi dell’incomparabile capacità di Renzi di “cambiare verso” e di rimangiarsi la parola data nel giro di pochi minuti: da Letta che poteva “stare sereno” perché nessuno voleva il suo posto a “mai al governo senza elezioni”, passando per il no secco alle larghe intese. Una capacità di smentire le sue stesse dichiarazioni che lo accomuna al miglior Berlusconi del “sono stato frainteso”.

E tanto per assicurare agli italiani che non ci sarà nessun miglioramento sostanziale della politica economica, il nostro si è già più volte espresso contro l’uscita dall’Euro e contro i diritti dei lavoratori. Ovviamente, il crescente numero di suicidi tra gli italiani non lo tange nemmeno.

Simili campioni di moralità pubblica possono solo essere posti alla guida delle istituzioni da un pessimo presidente qual’è Giorgio Napolitano, che continua imperterrito a rimanere al suo posto nonostante le questioni delle intercettazioni distrutte nella trattativa Stato-mafia e del biocidio in Meridione, scandali che avrebbero dovuto costringerlo alle dimissioni molto tempo fa. A questo ora si aggiunge il niet alla nomina di Gratteri come ministro della Giustizia, ennesima porcata che lo conferma come un garante non certo della legalità costituzionale, ma del malaffare in un Paese ormai allo stremo.

Cambia versoGli impavidi elettori del Pd che sono riusciti a farsi scucire 2 euro per votare Matteo Renzi alla segreteria, non avevano compreso bene il significato del suo slogan elettorale. Quando Renzi diceva di voler far cambiare verso all’Italia, intendeva portandola indietro di molti anni. In effetti c’era quasi il rischio che il Paese si fosse liberato una volta per tutte di Berlusconi, dopo la condanna in Cassazione, ma il Che Guevara del Pd è riuscito nell’impresa di resuscitarlo per l’ennesima volta, per decidere con lui la nuova legge elettorale. L’Italicum – o Porcellum reloaded – è riuscito ad incassare da subito l’anatema di 29 costituzionalisti, ed è stato definito dal ministro della Difesa, Mario Mauro, “una legge fatta per fare fuori Grillo”. Ancora una volta siamo commossi dalla onestà con cui i membri del governo ammettono la propria disonestà.

Ma per cambiare verso all’Italia non basta una legge elettorale forse più porcata della precedente: occorre anche regalare più soldi pubblici alle banche (decreto Imu/Bankitalia, Unicredit e Intesa ringraziano), occorre comprimere i diritti dei lavoratori (e i renziani sono sempre in prima fila nel proporre tagli agli stipendi per”salvare il lavoro”), occorre continuare a fare ciò che ci dicono Bruxelles e la Bce, fino ad arrivare agli agognati (solo dalle elite) Stati Uniti d’Europa. E ovviamente lEuro non si discute, nonostante il parere negativo di ben sei premi Nobel per l’Economia.

Nel frattempo, abbiamo ancora sul groppone un governo Letta non votato né voluto da nessuno, e un presidente della Repubblica che sta per battere ogni record di impopolarità, tra intercettazioni distrutte nella trattativa Stato-mafia e silenzi sul biocidio nel Meridione ad opera della camorra quando era ministro dell’Interno.

In definitiva, se Renzi vuole fare una rivoluzione, deve solo smetterla di fare accordi con Berlusconi, cosa che il Pd ha sempre fatto da quando esiste. Altrimenti, lasciasse la scrittura al contrario a Leonardo Da Vinci, agli arabi e agli ebrei, e se ne andasse olucnaffa.

Euro brucia(Articolo pubblicato su “Informare per resistere” il 11/01/2014)

È sempre divertente vedere come un tema scomodo venga scandalosamente censurato anche da giornali che affermano di voler dire “ciò che gli altri non dicono”.

Un tema esemplare ne è l’Euro: questo mostro immondo che ci è stato spacciato come un grande progetto per unire i popoli europei, e che ha finito per devastare i Paesi del sud e mettere quegli stessi popoli gli uni contro gli altri.

Adesso il gioco è evidentemente scoperto: con ben sei premi Nobel per l’Economia che si sono espressi in tempi diversi contro la moneta unica consigliando all’Italia di uscirne, ed economisti nostrani come Alberto Bagnai e Nino Galloni che hanno fatto dettagliate ricerche e riflessioni nello stesso senso (così come Paolo Barnard e la scuola economica Memmt), potremmo dire che ogni dubbio sulla “bontà” della moneta unica per l’Italia è fugato.

Eppure qualche ultimo giapponese (in verità più di uno) ancora insiste nel difendere il progetto Euro, censurando in tutti i modi chi si esprime contro di esso. Il principale censore è ovviamente il Partito Democratico, che da Prodi a Letta e Renzi ha sempre sostenuto lancia in resta il progetto della moneta unica e bollato di populismo/ignoranza/demagogia/follia chiunque avesse da ridire.

Ma non mancano i censori a mezzo stampa: dal Corriere fino a Repubblica e il Fatto Quotidiano è tutto un florilegio di omissioni e disinformazione, che ha il solo fine di lasciare la moneta unica nel Gotha degli argomenti intoccabili. Per la serie: si può sparlare di Letta e Napolitano, non lo si può fare dell’Euro. Del resto, sappiamo che ogni giornale dipende dai suoi amici e finanziatori per vivere, e quindi è evidente che ci siano lobby molto potenti all’opera per continuare a vendere al popolo il progetto Euro/Europeista. Per questo occorre ormai diffidare, su questo tema, da buona parte della stampa mainstream: per lo meno fino a quando il muro di gomma dell’omertà sarà perforato e si potrà liberamente criticare anche la moneta unica, dando voce ai suoi contestatori in modo imparziale.

In effetti sembra difficile bollare di populismo e ignoranza Paul Krugman, Joseph Stiglitz, Amartya Sen, Cristopher Pissarides, James Mirrlees, Milton Friedman, così come Alberto Bagnai e Nino Galloni, trattandoli alla stregua di qualche forcone inferocito. Si può cercare di salvare la barca che affonda solo ignorando l’argomento e censurando il dibattito: ed è esattamente ciò che il Pd e i giornali compiacenti hanno finora fatto e continuano a fare.

Il motivo di questo comportamento è chiaro, essendo il Pd il principale artefice del nostro ingresso nell’Eurozona. E qualche giorno fa, anche il viceministro all’Economia, Stefano Fassina, ha detto chiaro e tondo che la fine dell’Euro sarebbe una “sconfitta storica per il Pd”.
Resta solo da augurarsi che finalmente, in vista delle elezioni europee, il dibattito su Euro e Ue entri nel vivo, e che chi porta argomenti contro la moneta unica riceva lo stesso trattamento di chi ne è favorevole. Di fronte all’impoverimento e ai suicidi degli italiani, l’orgoglio di qualche politicante del Partito Democratico vale molto meno che zero.

P.s.  Per approfondire le migliori politiche da adottare in caso di uscita dall’Euro, si consigliano “Il tramonto dell’Euro” di Alberto Bagnai, “Eurocidio” di Nino Galloni e il “Programma di salvezza economica per l’Italia” di Paolo Barnard e Warren Mosler.

Euro burn(Articolo pubblicato su “Informare per resistere” il 11/01/2014)

La difesa dell’Euro da parte della cricca democristiana/massonica al potere e dei giornalai al loro guinzaglio ha assunto ormai caratteri ridicoli.

L’ultimo è stato Renzi, inutile ultimo segretario di un inutile partito, che vorrebbe spacciarsi per “il nuovo” difendendo a spada tratta la moneta unica, così come gli inceneritori, la privatizzazione dell’acqua, la precarizzazione del lavoro e il modello Marchionne.

Questo arroccamento a difesa di una moneta unica ormai screditata da sempre più economisti e divulgatori, diventerà presto un dolorosissimo boomerang sia per i politici che per i giornalisti che hanno cercato di insultare l’intelligenza del popolo italiano insistendo sulla necessità del male.

Perché che l’Euro sia un male per l’Italia è ormai un fatto assodato: non lo dicono “facinorosi”, “populisti” e tanti altri che hanno subito le etichette che questi scriteriati hanno appiccicato loro, ma ben 6 premi Nobel per l’Economia. Un piccolo esercito.

E nello specifico: Paul Krugman, Joseph Stiglitz, Amartya Sen, James Mirrlees, Christopher Pissarides. Il sesto è Milton Friedman, anche se per motivi diversi, trattandosi del padre del neoliberismo.

Tutti loro hanno ravvisato come all’Italia la moneta unica non convenga, che sia un disastro da abbandonare al più presto, se non si vuole ridurre ulteriormente alla fame e alla disperazione il popolo italiano. E si vanno ad aggiungere alle stesse considerazioni di economisti nostrani quali Nino Galloni e Alberto Bagnai, e di Paolo Barnard con la scuola economica Memmt.

Insomma: il gioco è scoperto, ma se ancora tanta gente non apre gli occhi è proprio per la incredibile testardaggine dei politici (specialmente del Pd, primo artefice del nostro ingresso nell’Euro) e dei giornalisti loro servi, nello spaventare la gente con improbabili “catastrofi” in caso di uscita dalla moneta unica. Tant’è che i pareri di questi luminari dell’economia, per quanto importanti, sono stati riportati solo dal Sole 24 ore.
Tutte le altre testate di una certa grandezza (Corriere, Stampa, Repubblica, Fatto Quotidiano, ecc.) si sono volentieri astenute.

Per chi volesse approfondire i modi migliori per uscire dall’Euro, tornare alla moneta nazionale ed evitare problemi, ci sono le politiche previste da Alberto Bagnai ne “Il tramonto dell’Euro”, ci sono le ricette di Paolo Barnard e di Warren Mosler, ci sono le idee di Nino Galloni: insomma, c’è tutta una serie di proposte da vagliare per gestire la transizione verso il ritorno alla sovranità monetaria.

Ma una cosa è certa: la prima cosa da fare è spazzare via l’attuale classe politica al governo, riconoscere i principali giornali per quello che sono, cioè organi al servizio della politica e delle principali banche/industrie, e procedere per dar vita ad uno stato di cose finalmente utile alla collettività. Nel rispetto della Costituzione e, ancor prima, del bene comune.

euro-bruciaThe defense of the Euro by the catholic/masonic crew in power, and by the journalists at their service, has assumed ridiculous characteristics.

The last one has been Renzi (Democratic Party), useless secretary of a useless party, who would introduce himself as “the hero of the new politics”, defending the unique currency, the incinerators, the privatization of the water, the extreme flexibility of the jobs and the Marchionne model.

This stubborn defense of a currency more and more discredited by economists and intellectuals will become soon a painful boomerang for politicians and journalists who insisted on the necessity of the evil.

Because is now certain that Euro is evil: it is not populist – or violent – leaders who say this, but 6 Nobel prizes for economy. A small army.

And to be precise: Paul Krugman, Joseph Stiglitz, Amartya Sen, James Mirrlees and Christopher Pissarides. The sixth is Milton Friedman, but for different reasons, being the father of neoliberism.

Everyone of them noticed that the Euro is not convenient for Italy, that it is a disaster to abandon as soon as possible, if we don’t want to reduce furthermore to hunger and desperation the Italian people. And they add to the same observations of Italian economists such as Nino Galloni and Alberto Bagnai, and of the journalist Paolo Barnard with the economic school Memmt.

We can say that the game is discovered, but if many people still don’t open their eyes is because of the incredible stubbornness of the politicians (especially those of the Democratic Party, first responsible of our entrance in the Eurozone) and of their servants journalists, who keep on scaring the people with unlikely disasters in case of exit from the common currency.

In fact the comments of these stars of the economy have been reported in Italy just from the economic newspaper “Sole 24 ore”. All the other big newspapers (Corriere della sera, La Stampa, Repubblica, Il Fatto Quotidiano) have totally ignored them.

For the people who want to know more about the best way for Italy to go out from the Euro, return to the national currency and avoid problems, there are the policies proposed by Alberto Bagnai in his book “Il tramonto dell’Euro (The sunset of the Euro)”, there are the measures of Paolo Barnard and Warren Mosler, there are the ideas of Nino Galloni: in the end, there is a series of proposals to consider in order to return to the money sovereignity.

But one thing is sure: the first thing to do is to completely replace the current political class in power, recognize the principal newspapers for what they are, that is organs at the service of the politics and of the principal banks/corporations, and go on to give life to an order of things finally useful to everybody. In the respect of the Constitution, and even before of the common good.

Qui serve un nuovo CLN

Game over

(Articolo pubblicato il 18 ottobre 2013 su “Informare per resistere“)

Chi pensa che liberarsi di Berlusconi sia la soluzione definitiva per i mali del Paese, si sbaglia di grosso.

Si potrebbe parlare, nel suo caso, di una Fase 1, ma se si vuole salvare l’Italia dal baratro in cui sta sprofondando, occorrono rapidamente una Fase 2 e una Fase 3.

Per Fase 2 si intende rispedire a casa quanto prima (se non altrove) il peggior capo dello Stato della nostra storia repubblicana, Giorgio Napolitano, assieme al presidente del Consiglio più insignificante della nostra storia repubblicana, Enrico Letta.

I motivi sono sotto gli occhi di tutti (almeno, tutti quelli che non sono stati rincretiniti a dovere dalla disinformazione mainstream) .

Giorgio Napolitano è stato rieletto da una maggioranza dedita all’inciucio formata da Pd e Pdl, con l’unico scopo di scongiurare un capo dello Stato eletto in quota grillina come Stefano Rodotà (che, peraltro, grillino non lo è mai stato). Napolitano ha accettato di buon grado il ruolo di difensore dello status quo, in cambio della distruzione delle intercettazioni che lo riguardavano nella trattativa Stato-mafia.

E questo è storia nota. Negli ultimi tempi, poi, Napolitano ha fatto del mantenimento del governo dei larghi inciuci un baluardo della sua politica presidenziale. Fino a benedire la concessione dellafiducia al peggior presidente del Consiglio della nostra storia repubblicana, Enrico Letta, da parte di una serie di traditori dell’ultim’ora interni al Pdl.

E veniamo al sedicente premier in questione. Oltre ad essere stato salvato dalla componente cattolica del Pdl (a ricordare come il governo delle larghe intese, così come la rielezione di Napolitano, siano stati benedetti dal Vaticano per evitare ogni possibile cambiamento), Enrico Letta si è distinto negli ultimi giorni per avere aumentato l’Iva al 22%, tanto per strozzare ulteriormente i poveracci che ancora pagano le tasse, e per avere nominato alla spending review un uomo del Fondo Monetario Internazionale, istituzione nota per essere al servizio degli Stati Uniti e per imporre austerità e tagli alla spesa pubblica ai Paesi ”assistiti”.

Occorre dire altro? Sulla connessione di Letta con Bilderberg, Trilaterale, Aspen Institute e multinazionali varie, è stato già scritto ampiamente.

Si potrebbe anche dire, parlando di lui, che morto un Andreotti se ne fa un altro. Questo essere in contiguità con gli Stati Uniti (vedi l’incontro con il Council of Foreign Relations di pochi giorni fa), con l’Unione Europea, col Vaticano (vedi chi ha salvato il suo governo nel Pdl) e con multinazionali di vario genere, ne fa un perfetto democristiano del terzo millennio.

E da qui passiamo alla fase 3.

Di fronte a tali soggetti alle leve del comando, non resta che un nuovo CLN (Comitato di Liberazione Nazionale). E cioè che tutti i cittadini di buona volontà si organizzino in partiti e movimenti dal basso con l’unico scopo di mandare a casa questi soggetti (che ormai rappresentano solo sé stessi e i loro gruppi di potere), per rimpiazzarli con schieramenti che facciano veramente gli interessi della collettività.

Che sia Grillo a garantire questo ricambio o chiunque altro, non importa. Quello che conta è che questi individui siano rimossi dai posti di potere e sostituiti con chi abbia a cuore il futuro della Nazione.

Prima di finire come la Grecia, mentre lor signori brindano a ostriche e champagne.

Inciucio(Articolo pubblicato su “Informare per resistere” il 14/08/2013)

Ripercorriamo i Fatti in questa estiva tragicommedia all’italiana, degna dei migliori film di Alvaro Vitali e Franco e Ciccio.

1) Alle elezioni politiche di febbraio, un partito, il Movimento 5 Stelle, ha preso il 25% dei voti degli italiani, risultando la prima lista sul territorio alla Camera, escludendo i voti degli italiani all’estero. Un risultato enorme, che ha segnalato la pressante richiesta degli italiani di un cambiamento ai vertici delle istituzioni e del modo di fare politica.

A questo va aggiunto il dato di tutti coloro che, per sfiducia nella politica e in numeri sempre maggiori, si  sono astenuti dal voto.

2) Per incapacità di entrambe le coalizioni di accordarsi (M5S e Pd/Sel), il nuovo governo è nato da un accordo tra Pd e Pdl, che ha riportato l’Italia ai tempi dei minestroni politici della Prima Repubblica.

3) Il nuovo presidente della Repubblica, che avrebbe dovuto essere espressione dell’unità nazionale ma anche accogliere le richieste di cambiamento provenienti dalla Nazione, è stato eletto ignorando completamente la volontà dei grillini e di tutti coloro che volevano un uomo al di sopra delle parti come Stefano Rodotà.

Da qui il ritorno di Napolitano, che non solo aveva promesso di non ricandidarsi, ma era anche appesantito da sospetti di coinvolgimento nella trattativa Stato-mafia (le famose intercettazioni con Mancino, poi distrutte).

4) Nasce un governo “democristiano”, di Centro-Sinistra-Destra, con a capo Enrico Letta, nipote di Gianni Letta del Pdl e membro del Bilderberg, della Commissione Trilaterale, dell’Aspen Institute e di ogni altra consorteria che non abbia altro scopo che la conservazione dei privilegi dell’elite economica.

Tra gli sponsor della sua fondazione, Vedrò, ci sono Telecom, Eni, Vodafone, Enel, Nestlè, e chi più ne ha, più ne metta.

5) Umiliando non solo la consistente parte grillina del Parlamento, ma anche una vasta parte dell’opinione pubblica (se non la maggioranza degli italiani), nei primi mesi del nuovo governo si approvano misure come l’acquisto degli F35, si rigetta l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti, si rigetta la modifica della legge elettorale, si propongono pericolose modifiche costituzionali e si lancia costantemente il messaggio che la casta non tollera alcun cambiamento nelle proprie pessime abitudini, nonostante il risultato delle elezioni politiche. Si segnalano addirittura episodi di scherno ai danni dei parlamentari 5 stelle, che rivaleggiano per maturità intellettuale con i casi di bullismo nelle scuole.

6) Il vero capo della coalizione di Centro-Sinistra-Destra, Silvio Berlusconi, viene condannato in via definitiva per frode fiscale, e decade automaticamente (per una legge approvata nel 2012 ) dalla carica di senatore, così come da ogni altra carica pubblica.

Si attende la pronuncia della Camera di appartenenza, che non deve far altro che certificare la sopravvenuta ineleggibilità. Appellarsi a una presunta non retroattività della legge, significa ammettere che un delinquente riconosciuto come tale possa governare e mettere mano alla Costituzione, cambiandola a piacimento.

7) I compagni di inciucio di Berlusconi, cioè gli esponenti del Pd, protetti dall’ala conservatrice dello status quo di Giorgio Napolitano, tentennano ancora (nonostante la sentenza della Cassazione) a prendere le distanze da un condannato per frode fiscale, e pur di mantenere il potere, cercano di capire se sia possibile proseguire come se nulla fosse, sperando che gli italiani non facciano troppo casino. Napolitano accenna a una possibile riforma della giustizia. Letta, prima della sentenza, aveva anche dichiarato che “non ci sarebbero stati terremoti”. Come dire agli italiani: per noi non cambia nulla se Berlusconi viene condannato, quel che importa è mantenere il potere nelle nostre mani e che non finisca, ad esempio, in quelle dei grillini.

Ora, dopo questo campionario degli orrori, è più che evidente che non siamo di fronte a un governo del Fare (come ipocritamente hanno definito i loro provvedimenti Letta e i suoi, tra l’altro rubando lo slogan a Oscar Giannino), quanto a un governo del Fare finta di niente, sorvolando anche su condanne in Cassazione degli alleati, sul risultato elettorale e sul disprezzo di fette sempre maggiori della popolazione italiana.

Per quanto Matteo Renzi non piaccia granché a chi scrive (è stato da alcuni ribattezzato, a mio parere a ragione, un “Berlusconi di sinistra”), una cosa giusta di recente l’ha detta, parlando degli esponenti del Pd: “E’ stata più veloce la Chiesa a riformarsi di voi”. E infatti Famiglia Cristiana ha di recente scritto chiaro e tondo che è ora  che “Berlusconi  lasci per sempre”. Una pronuncia che non è assolutamente arrivata dagli esponenti del Pd, che hanno fatto finta di combatterlo per 20 anni, lucrando sulla loro finta opposizione.

In definitiva, tutta la tragicommedia di questi ultimi mesi ricorda tristemente un gruppo di dinosauri che cerca di resistere in maniera strenua all’estinzione. Se non si faranno da parte volontariamente e in modo rapido (conservando un minimo di dignità), sarà la Storia a cancellarli per sempre.

Paolo Barnard ci racconta come l’Unione Europea e l’Euro abbiano distrutto economicamente il continente e come questo effetto sia stato programmato ed eseguito a tavolino

euro_presidio-sede-bce-300x200

(Articolo pubblicato sul numero 3 – maggio/giugno 2013 di “Barricate – L’informazione in movimento“)

Un’Unione Europea e un Euro al servizio dei poteri forti, delle elite economiche neoliberiste e a danno delle popolazioni europee. All’interno di un piano congegnato per togliere ai cittadini europei una delle principali fonti del loro benessere, la sovranità monetaria, e per mettere in cantina le politiche keynesiane, viste come un impiccio.

E’ questo “il più grande crimine” dal dopoguerra secondo Paolo Barnard, che nell’omonimo saggio spiega chi sono gli autori di un vero e proprio “economicidio” ai danni del continente. Nomi come Romano Prodi, Jean Claude Trichet, Mario Draghi sono affiancati a organizzazioni come il gruppo Bilderberg, la Commissione Trilaterale, l’Aspen Institute, in una comunione di intenti volta a favorire i grandi poteri economici, marginalizzando sempre più dalla scena politica il ruolo e il benessere della gente comune.

Paolo, ci spieghi qual è il “più grande crimine” di cui parli nel tuo saggio?

Per capirlo dobbiamo partire dal fatto che, dopo due guerre che hanno distrutto l’Europa, il sistema economico e non solo stava creando le basi per un mondo migliore. C’era stata una rivoluzione in economia e nella società che, partita da Marx e passata per il socialismo e il consolidamento della democrazia, era arrivata a un punto di svolta fondamentale con Keynes, che in quegli anni aveva indovinato un sistema economico internazionale. Nel frattempo nascevano gli accordi degli anni ’50 e ‘60 di Paesi in via di sviluppo come l’Indonesia e la Jugoslavia, gli accordi di Bandung. Stava prendendo forma un nuovo ordine economico mondiale, portatore di idee su come regolare l’economia in modo più giusto. I partiti socialisti avevano sempre più consensi.
Così le elite economiche, che avevano perso potere nei decenni precedenti, si sono organizzate per reagire. Nel mio libro ci sono nomi, cognomi, organizzazioni, chi ha steso i testi fondamentali da seguire. Queste elite si sono coalizzate per prendere nuovamente il potere nel contesto delle nuove democrazie, senza le impiccagioni ottocentesche. E così hanno sottratto, nascosto, ucciso questo nuovo ordine economico keynesiano e dei Paesi della conferenza di Bandung. Hanno soffocato queste economie e condannato centinaia di milioni di esseri umani al sud del mondo a una situazione disastrosa, mentre al nord, Europa compresa, a condizioni più grame di lavoro.
Come fai, quando ripercorri le sofferenze di centinai di milioni di persone, a non considerare questo il più grande crimine del dopoguerra?
Era tutto evitabile se si fosse lasciato in vita questo complesso economico che nasceva, soffocato invece da neoclassicismo e neoliberismo.

C’è chi ti accusa di avere una visione troppo ‘complottista’. Cosa rispondi a queste persone?

Rispondo che ne “Il più grande crimine”, un testo di 100 pagine, ci sono dati, nomi, fondazioni e circa 70 note bibliografiche di documenti precisi. E’ ridicolo dire che ho scritto qualcosa di complottista.  Chi lo afferma evidentemente non vuole fare la fatica di leggerlo.

Quali sono le fonti che ti hanno influenzato dal punto di vista economico? Ci sono economisti che consigli, in opposizione a quelli neoliberisti? 

Assolutamente si. Io ho per caso scoperto che esiste un’economia , nata dalla mente geniale dell’economista americano Warren Mosler, che è la riformulazione moderna di quella keynesiana.
E’ la più adatta ai sistemi monetari moderni, che Keynes non poteva conoscere, e si chiama Mosler Economic Modern Money Theory. L’ho studiata molto, e la considero dirompente.
Gli economisti che seguo sono quelli della Memmt. Nel libro ne ho elencati circa dodici, tra cui lo stesso  Mosler e  Alain Parguez.

Bisognerebbe uscire dall’Euro? Se si, quali potrebbero essere le conseguenze?

Alla prima parte della domanda rispondo: assolutamente si, perché è un costrutto criminale e ormai ha distrutto l’economia europea.
Alla seconda parte non posso rispondere in uno spazio così breve. Noi abbiamo formulato un programma di salvezza nazionale di 40 pagine, consultabile sul mio sito e su quello della Memmt.
Sicuramente incoraggio il ritorno alla sovranità monetaria, quindi al fatto che il Paese torni proprietario dell’economia. Quando hai la sovranità monetaria ed economica e la sai usare, allora diventi inattaccabile. Non ci possono più essere problemi di inflazione, deflazione, svalutazione, speculazione; è tutto sotto il controllo di chi usa questo strumento.

L’Unione Europea è da abbandonare o da rifondare su nuove basi?

Da rifondare su nuove basi. Non c’è niente di male nel volere un’Europa unita, ma questa Europa è stata una favola venduta sui libri delle elementari dagli anni ‘60, grazie a tecnocrati da me citati come Perroux, Attali, Trichet, Jacques Delors, i primi padri di queste idee. Si è trattato soprattutto di francesi e italiani, i tedeschi hanno avuto un ruolo minore. Ad ogni modo, è stata una truffa disegnata per favorire le elite neomercantili e speculative, e anche i Trattati da Maastricht in poi sono stati scritti per essere illeggibili e non sono stati mai votati, tranne in pochissimi casi. Questa Unione è stata una truffa ai danni della popolazione, fatta per togliere la sovranità monetaria e quella dei parlamenti.
In definitiva: l’Euro va distrutto e l’Unione rifatta.

Come combattere lo strapotere dei mercati e la ‘dittatura dello spread’?

Con la stessa soluzione data in precedenza: riprendendo la sovranità monetaria e sapendola usare. Agenzie di rating e spread non contano niente quando si ha sovranità monetaria, come nei casi di Stati Uniti e Giappone. Lo spread è una trovata pubblicitaria usata da media asserviti e ignoranti, e da economisti asserviti e ignoranti, per terrorizzare la gente. Lo spread ha valore solo se il Paese è commissariato come l’Itala.

Cosa dovrebbero fare secondo te i popoli e le istituzioni europee per uscire da questa situazione così difficile?

Il cardine di tutto è la conoscenza. Non è immaginabile che i popoli europei possano ribellarsi a questo mostro se non sanno di cosa si tratta. Io sono il primo in Italia ad aver rivelato cosa succede veramente con l’Euro, e lo faccio tuttora come un salmone che nuota contro un fiume in piena. Se ci fossero in Italia, Germania, Francia, altre centinaia di divulgatori di questi temi e se il popolo fosse informato su cosa sta succedendo e su cos’è l’Euro, ci sarebbe una immediata risposta. Si verificherebbero ribellioni di massa, e per i potenti sarebbe finita.

Una domanda apparentemente fuori contesto: il sistema capitalistico va abbattuto?

Il capitalismo ci ha dato anche mezzi che non avremmo mai avuto , ma per sua natura si contrappone all’interesse pubblico. Ti cito una frase di Adam Smith che i neoliberisti spesso dimenticano: “Raramente due capitalisti si riuniscono se non per imbrogliare qualcuno”.
L’intereresse pubblico deve essere sempre azionista di maggioranza, mentre il capitalismo non deve andare oltre il 49%. Può funzionare solo se c’è questo bilanciamento. 

The Italian journalist Paolo Barnard tells us how the EU and the Euro have economically destroyed the continent and how this effect has been programmed and reached purposely  

The Italian journalist Paolo Barnard

The Italian journalist Paolo Barnard

(Article published in the 3d issue – May/June 2013 of the italian bimonthly review “Barricate – L’informazione in movimento”)

A European Union and a Euro created for the strong powers, for the neoliberal elite and against the European population. Inside a plan made for depriving the citizens of one of their principal sources of wellness, the monetary sovereignty, and to remove the Keynesian policies, seen as an obstacle.    

This is “the biggest crime” since World War II according to Paolo Barnard, an Italian journalist, who in his book with the same title explains who are responsible of a true ‘economic murder’ at the expense of the continent.

Names such as Romano Prodi, Jean Claude Trichet and Mario Draghi, are associated with organizations such as the Bilderberg group, the Trilateral Commission, the Aspen Institute, for the common purpose to help the biggest economic powers, weakening the role and wellness of the common people in the political scene.  

Paolo Barnard, can you explain to us which is “the biggest crime” you mention in your book?

Firstly we must start from the fact that, after two wars that almost destroyed Europe, the economic system was creating the basis for a better world. There had been a revolution in economy and in the society, that, starting from Marx and passing through socialism and the solidification of democracy, arrived to a fundamental turning point with Keynes, who in those years found out a economic international system. Meanwhile the agreements of the ’50s and ‘60s, like the Bandung agreements between countries such as Indonesia and Yugoslavia, were born. A New World Economic Order was arising, with ideas on how to regulate the economy in a better way. Socialist parties gained more and more influence.

So the economic elites, which lost power in the previous years, organized themselves to counteract. In my book there are names, organizations and the people who wrote the books to follow.
These elites organized to take back the power in the context of the new democracies, without spectacular executions as in the 19th century. They hid and killed this new economic order of Keynes and of the conference of Bandung. They strangled these economies and damned hundreds of millions of people in the South of the World to an awful condition, and in the North, like Europe, to worse conditions of work.

When you see the suffering of so many people, how can you not consider this the biggest crime after World War II? It was all avoidable, if they had allowed this economic system to live. Instead, it was strangled by neoliberalism and neoclassicism.

There are people who accuse you to have a ‘conspiracy theorist’ vision . How do you answer to these people?

I answer that in “The Biggest Crime”, a one hundred pages book, there are statistics, names, foundations and 70 references of precise documents. It’s ridiculous to say that I wrote something ‘conspiratorial’.

Who says this evidently don’t want to tire himself reading it.

Which are the economic sources that influenced you? Are there economists that you recommend instead of the neoliberal ones?

Absolutely yes. I have discovered an economic theory which is the modern reformulation of the Keynesian one, born from the genial mind of the American economist Warren Mosler. It is the most suitable for the modern monetary systems, which Keynes could not know. Its name is Mosler Economic Modern Monetary Theory (Memmt). I have studied it very much, and I consider it astounding. The economists I follow are the ones of the Memmt. In the book I listed 12 of them, such as Mosler, Forstater and Alain Parguez.

Should Italy exit from the Euro? If so, which could be the consequences?

To the first part I answer: absolutely yes, because it is a criminal construction and it has already crushed the European economy.

To the second part I cannot answer in such a small space. We formulated a ‘Program of economic safety for Italy’ 40 pages long, accessible from my website and from that of the Memmt.

For sure I encourage the return to money sovereignty, so that the country can again be the owner of the economy.
When you have money sovereignty and you know how to use it, you become undefeatable. There cannot be problems of inflation, deflation, devaluation, speculation anymore; everything is under the control of whom that uses this instrument.

Is the European Union to abandon or to refund on new basis?

To refund on new basis. There is nothing wrong in wanting a united Europe, but this Europe has been a fairy tale sold since the 60’s, thanks to technocrats I cited such as Perroux, Attali, Trichet, Jacques Delors, the fathers of these ideas. They have been above all French and Italians; Germans had a lesser role. Anyway, this was a deceit designed to help the neo-mercantilist and speculative elites, and also the treaties from Maastricht onwards have been written to be unreadable, and never voted, except for a few cases.

This Union has been a deceit against the population, made for taking away the monetary and parliamentary sovereignty. In conclusion: the Euro must be destroyed and the European Union must be remade.

How to fight the extra-power of the financial markets and the ‘dictatorship of the spread’?

With the same solution given before: taking back the money sovereignty and knowing how to use it. Rating agencies and spread doesn’t count for anything with money sovereignty, as in the cases of USA and Japan.

The spread is a gimmick used by ignorant and domesticated media as well as ignorant and domesticated economists to fill the people with fear. The spread is only significant when the country is no longer free like Italy.

What should people and institutions do in Europe to walk out from this hard situation?

The centre of everything is knowledge. It is unthinkable that European people could break free of this monster if they don’t know what it is. I am the first in Italy who unveiled what is truly happening with the Euro, and I still do it as a salmon who swims against the flood.

If there were other hundreds of speakers on these themes in Italy, Germany and France, and If the people were aware of what is happening, there would be an immediate answer. There would be massive riots and this would be the end for the powerful people.

A question apparently out of context: should the capitalism be destroyed?

Capitalism gave us also means that we never could have, but for its nature it is against the public interest.
I quote a phrase of Adam Smith that neoliberals often forget: “People of the same trade seldom meet together, even for merriment and diversion, but the conversation ends in a conspiracy against the public, or in some contrivance to raise prices”.

The public interest must consist of the majority, while capitalism should never go beyond the 49%. It can work only if there is this balance.